Bilancio 2017

Inviato da admin il Mar, 06/12/2018 - 23:54

Cari Soci,
Il percorso intrapreso dal consiglio direttivo nel 2015 è continuato nel 2017. L’ impegno di amministrare questo sodalizio nel rispetto della democrazia e della trasparenza è rimasto tale, rafforzato dal costante e significativo aumento dei soci, da 423 del primo trimestre 2016 a 554 alla fine del 2017. L’anno sociale è iniziato con l’ormai consolidata iniziativa della consegna della calza della Befana riservata a tutti i soci. Un momento d’incontro tra noi soci, in cui possiamo continuare a scambiarci gli auguri di Buon Anno. Con inizio dell’anno sono stati riproposti ai soci gli incontri di bowling, molto apprezzati nel precedente anno sociale, ed il torneo di tennis tavolo, reso possibile dal “ritrovamento” del tavolo e dall’ autorizzazione all’utilizzo della sala Primato da parte dell’EAV. Grande successo e apprezzamento a vari livelli ha avuto l’iniziativa della mostra fotografica proposta a Febbraio, inaugurata dal giornalista del “Mattino” F. Gravetti: la mostra è stata occasione per i soci di proporre le proprie opere al gran numero di visitatori che hanno affollato la nostra sede , tra i quali presidente U. De Gregorio e i dirigenti aziendali. Un risvolto inatteso è stata la visita dei dirigenti del reparto oncologia dell’ ospedale Ascalesi che, avendo saputo dell’iniziativa da un articolo sul “Mattino”, hanno visitato e apprezzato la mostra, chiedendoci di allestire presso i corridoi del reparto, nell’ambito di un loro progetto, una mostra fotografica permanente, realizzata grazie alla collaborazione economica del Fondo di Solidarietà e della Cassa M. Capuano. L’ interesse dei dirigenti aziendali per le nostre iniziative e gli incontri che ne sono scaturiti avevano fatto sperare in una positiva soluzione della questione riconoscimento, rivelatasi più tardi una strada al momento chiusa in quanto vincolata alla modifica di un precedente accordo sindacale, in cui le parti sociali si impegnano a riconoscere in EAV un solo Cral.

Durante l’anno diverse sono state le visite a siti d’interesse storico, culturale, ambientalistico e le gite in occasione di sagre e ricorrenze religiose. Alcune delle iniziative proposte sono state annullate per il mancato raggiungimento di un numero minimo di partecipanti (Festa della Candelora e Sagra di S’Agata di Esaro) altre, quale la visita alla Baia di Ieranto, per impedimenti logistici sopraggiunti a causa di incendio. Molto apprezzate dai partecipanti sono state le visite al Cimitero della Fontanelle e alle Basiliche paleocristiane di Cimitile. Momento di commozione nella visita a Balvano, sede del più grave incidente ferroviario d’ Italia, dove è stata posta una corona di fiori del Cral nella cappella, in ricordo dei caduti nella sciagura.

Il fantacalcio Cral Circumvesuviana, lo spettacolo teatrale “Pitosce”, l’ormai classico “Teatro&Pizza” a Vico Equense sono state altre iniziative proposte e apprezzate dai soci.
Sono state rinnovate le convenzioni con i cinema, i teatri, le agenzie di viaggio, i biglietti per le isole del golfo ed altre convenzioni sono state stipulate durante l’anno.
La nostra accogliente sede, da sempre aperta ai soci che vengono a trovarci anche senza un preciso motivo, ha ospitato le “tecniche di meditazione” proposte da Imma Maddaloni, il IV° e il V° corso di fotografia di base organizzato da Gennaro Pallonetto e gli affollati momenti di aggregazione in occasione delle premiazioni dei tornei sociali, della consegna del premio allo studio e del tradizionale “Scambio di auguri natalizi in sede” e finanche un evento open day proposto da uno studio medico convenzionato, che ha dato la possibilità agli iscritti di sottoporsi gratuitamente a visite mediche in diverse discipline.
Per molte delle iniziative proposte è stato chiesto un contributo economico ai partecipanti mentre è stato minimo - nel limite del possibile - un contributo da parte del Cral.
La quota associativa mensile rimasta invariata: l’assenza del contributo aziendale non ci ha permesso di abbassare più di tanto il costo per socio di diverse iniziative. Ciò nonostante abbiamo sempre ottenuto dalle ditte convenzionate e dai fornitori il massimo sconto possibile da riservare ai nostri iscritti.
E’ da questo concetto che hanno preso forma le strenne e la befana. Per le strenne in particolare, anche quest’ anno, una volta stabilito il budget, sono stati contattati uno per uno i fornitori che ci hanno riservato prezzi alla nostra portata. La ricerca della qualità e la valorizzazione dei prodotti locali ci ha permesso di presentare ai soci strenne con prodotti d’eccellenza che hanno riscosso il favore della maggior parte degli iscritti. D’altra parte con gli stessi fornitori sono state stipulate le convenzioni utilizzate dai soci per acquisti extra a prezzi scontati. Per la calza della befana, invece, ci siamo rivolti, come ente, a cash&charry potendo usufruire così di prezzi molto convenienti. Sia le strenne che le calze della befana sono state consegnate dai vari fornitori direttamente in sede. Potendo contare sull’impegno dei consiglieri e dei soci che hanno dato la loro disponibilità sia per lo scarico che per il confezionamento delle strenne e delle calze, non abbiamo dovuto sostenere costi aggiuntivi.
Un importate risultato conseguito anche quest’ anno è stato quello di riuscire a trasmettere ai soci l’idea di “Gestione Partecipata”. La maggior parte delle iniziative, infatti, è partite da idee di soci che hanno poi partecipato in prima persona all’organizzazione. Questo è avvenuto per le gite per le attività sportive per il teatro per il “Premio allo studio” dove grazie alla bravura e alla maestria del socio Aristide Zeppetella è stato possibile riproporre l’iniziativa, molto apprezzata dai ragazzi che hanno ricevuto come premio una sua penna in legno.

Non può mancare un riferimento:
- al fallimento EAV BUS per il quale, a titolo di credito privilegiato, è in corso un azione di recupero giudiziario;
- alla rinnovata richiesta, a dicembre, dopo più di un anno, da parte della ditta Tufano Gomme di un accertamento sui rateali a partire dall’anno 2009 al quale è stato ribadito che, come certificato dai bilanci presentati e approvati dai precedenti consigli di amministrazione, tutti i rateali incassati sono stati trasferiti alla ditta;
-alle schede Tim Cral per cui è previsto il recesso del contratto.

In definitiva l’anno 2017 è stato un anno molto impegnativo per i consiglieri che, con spirito volontaristico, hanno sempre dato molto del loro tempo libero al Cral affinché potesse continuare ad essere per i soci un ‘idea, un simbolo che non tramonta, pronto ad ingrandirsi, ad accogliere ed a condividere il cammino insieme ai colleghi provenienti da tutte le realtà del EAV.
Il 2018 sarà l’anno in cui terminerà il nostro mandato: prima delle elezioni le modifiche dello statuto e del regolamento elettorale, individuate dalla commissione Modifiche dello statuto nominata nel 2016 e approvate dal consiglio direttivo, saranno presentate all’assemblea dei soci per l’approvazione.
Confidiamo in un elevato numero di candidature ed in una grande partecipazione dei soci alle elezioni per dare il massimo della rappresentatività ai nuovi eletti.
Il Cral del 2018 conta 633 iscritti: incasserà un totale di circa 46000,00€ dalle quote che i soci verseranno durante l’anno, gran parte del quale - intorno all’ 80% - sarà destinato alle strenne. Il restante servirà per le spese vive e per finanziare le iniziative più importanti.

Continueremo a proporre iniziative autofinanziate nello spirito della suddetta “Gestione Partecipata” ed a impegnarci gratuitamente con onestà e trasparenza, mettendo a disposizione molto del nostro tempo.

rendiconto2017a

 

Etichette
Documento