TRATTORIA – ROSTICCERIA “SPIEDO D’ORO” - Emilio Vittozzi

Inviato da E.Vittozzi il Gio, 07/12/2018 - 14:07

TRATTORIA – ROSTICCERIA
“SPIEDO D’ORO”
(Cucina Tipica Napoletana)
Via Pasquale Scura, 52 – Napoli

verzeriseNel “cuore pulsante” della Pignasecca, dal 1973,  c’è una piacevole sorpresa: un piccolo ma accogliente locale rustico e popolare, meta di pensionati ed impiegati, operai ed universitari, tutti “coccolati” dagli educati, sorridenti e dinamici titolari, Enzo e Cinzia.
“Lo Spiedo d’Oro” è consigliato a chi non vuole tovaglie di pizzo e bicchieri di cristallo, tipici dei locali a 5 stelle (no, il Movimento del Vicepremier Luigi di Maio non c’entra nulla qui…), perché il rapporto qualità-prezzo è veramente incredibile!
Ogni giorno c’è l’imbarazzo della scelta che non fa mai rimanere delusi ma perplessi per la varietà delle pietanze in bella vista nel bancone centrale, che poi deliziano il palato.
Atmosfera popolare, allegra ma non casinara, con il televisore acceso  sull’ultima edizione del telegiornale.
Mi metto in fila con il mio collega Enzo Castiglia, anche lui amante della cucina “spiedina”, e noto su una mensola il libro “Vierz’ & rise” (Versi e sorrisi) di Francesco del Vaglio.
Il “Patron” me lo porge perché sono stato amico del fratello dell’autore, Paolo, per anni ed anni, fino alla sua dipartita.
Paolo era un fine umorista grafico, autore di vignette che facevano sor-ridere; Francesco un vignettista-caricaturista di fama nazionale, visto e considerato che collabora, fra gli altri, al quotidiano “il Mattino” da oltre 50 anni e che ha firmato ben 23 libri.
Paolo colpiva per l’innegabile umorismo, Francesco per la chiarezza del disegno .
La sua ultima opera libraria è “Vierz’ & rise”, nel senso di versi e sorrisi, non nel senso di riso e verzi, noto e diffuso primo piatto, molto buono, sostanzioso, ma con una peculiarità: la verdura quando bolle emana un gran brutto odore…
121 vignette con tanto di riflessione in lingua napoletana ma non si sa se lo scritto supporta il grafico o è viceversa…
Argomenti di vario genere graficamente commentati con arguzia ed intelligenza:  Maurizio Sarri, Paolo del Vaglio, Bruno del Vaglio, Luciano Moggi, Aldo Bovio, Riccardo Cassero, Totò, San Gennaro, Massimo Troisi, Pino Daniele, Steve Jobs, Luigi di Maio, Sophia Loren sono alcuni delle persone “omaggiate” dal noto caricaturista.
Piacevole la grafica, significativa lo scritto.
In poche e scarne parole, un libro che non fa male leggere…
Come è cosa buona e giusta andare a pranzare, almeno una volta, dallo “Spedo d’Oro”.

EMILIO VITTOZZI

Etichette

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web per supportare funzionalità tecniche che migliorano la tua esperienza utente.

Per disattivare l'opzione clicca per maggiori informazioni.