iniziativa presso il reparto di Oncologia ed Ematologia dell’Ospedale Ascalesi. 17/06/2017

Inviato da Giuseppe Aurino il Dom, 06/25/2017 - 09:35
Iniziativa_ascalesi

Aver collaborato, in minima parte, alla realizzazione di  un’ iniziativa finalizzata alla costruzione di un percorso di accoglienza e di accompagnamento ai pazienti del reparto oncologia e alle loro famiglie con lo scopo di sostenerli nei momenti più delicati della malattia, è come se esprimessimo la nostra vicinanza a chi, in quel reparto, soffre.

Ai Presidenti Giampiero Arpaia e Ferdinando Calcavecchia va il nostro ringraziamento per aver sostenuto economicamente , insieme a noi, l’allestimento dello spazio espositivo, ma soprattutto per l’incondizionata condivisione di un  Valore, qual’ è la solidarietà verso chi soffre, che ha animato l’iniziativa.

foto_ascalesiPubblichiamo di seguito un estratto dell’ Articolo de “Il Mattino” di Domenica 18 Giugno 2017

*Sabato 17 Maggio Sono state inaugurate, presso il reparto di Oncologia ed Ematologia dell’Ospedale Ascalesi le sale d’attesa e gli spazi rinnovati grazie all’arte. Un’iniziativa lanciata da Luigi Leopaldi direttore del Reparto di Oncologia con un appello ai fotografi della città, cui hanno risposto decine di artisti, professionisti e appassionati che con le loro donazioni hanno contribuito a dar vita, in pochi mesi, ad una galleria d’arte di oltre 150 pezzi, fra cui spiccano due omaggi di Mario Laporta e un’opera in anteprima, tratta dal prossimo volume di Pino Guerra.

Un modo per rendere più accoglienti i luoghi in cui i pazienti e le loro famiglie trascorrono lunghe e talvolta estenuanti ore d’attesa.

«Questo è un luogo nel quale si arriva con un carico di angoscia e sofferenza non indifferente in cui potersi distrarre, anche solo per pochi istanti, portando il pensiero altrove guardando una bella immagine artistica, invece di tristi pareti grigie, può dare un po’ di sollievo» sottolinea Leopaldi.

«È un’iniziativa meravigliosa – dichiara la consigliera comunale del gruppo DeMA Eleonora de Majo intervenuta in rappresentanza dell’Amministrazione Comunale – A fronte della chiusura di tanti ospedali, questo diventa un luogo di vera resistenza. Un reparto difficile nel quale si costruisce, un vero tessuto relazionale»

Altri spazi coinvolti – I corridoi del quinto sono stati affidati all’Associazione Medici Fotografi Italiani (AMFI), al Cral Circumvesuviana insieme al Fondo Solidarietà con la Società Cooperativa Cassa Maurizio Capuano, con un’esposizione ribattezzata “Una Finestra sul Mondo” per l’eterogeneità dei temi trattati, curata da Gennaro Pallonetto e Marina Natangelo che insieme alle proprie opere hanno inserito nell’allestimento anche lavori di Vincenzo Accurso e Ferdinando Kaiser.

 

Sarà successivamente proposto il tema della prossima esposizione. I soci interessati ad esporre proprie foto potranno contattare il Cral o i curatori dell’iniziativa Gennaro Pallonetto e Marina Natangelo.